venerdì 7 dicembre 2012

BOMBE MOLOTOV A REGGIO: UN FATTO CHE NON DEVE PASSARE INOSSERVATO


Il ritrovamento di una bomba molotov, anche se inesplosa, in via Canalina rappresenta un fatto grave su cui la collettività e la politica locale devono interrogarsi.

La sicurezza a Reggio Emilia sta diventando, giorno dopo giorno, un problema sempre più grave che tocca da vicino gli abitanti della Città.

E’ corretto lasciare svoglere agli inquirenti il loro lavoro, ma è altrettanto giusto che la politica affronti di petto la questione, ed adotti tutti gli accorgimenti per invertire questa tendenza.

Come dimenticarci delle numerose auto che sono state vittime di incendi, verosimilmente per “avvrtimenti” o per “regolamenti di conti”.

Purtroppo Reggio è diventata sempre di più “Città insicura”, dai fenomeni di criminalità diffusa agli episodi riconducibili ad una criminalità organizzata.

Per contrastare questi fenomeni non è sufficiente organizzare o presenziare a convegni, ma occorre che le Forze dell’Ordine e il Comune agiscano sotto un’unica regia attenta.

Ieri, per altri motivi, ho chiesto una riunione della commissione IV sui temi della sicurezza, alla presenza del Sindaco e dell’assessore Corradini.

Auspico che questi preoccupanti fatti di cronaca facciano aprire gli occhi a questa sonnolenta Giunta, e che in tempi strettissimi si affronti il problema.