sabato 11 gennaio 2014

IL PD GIOCA AL RISIKO DELLE PRIMARIE, ED A PAGARE SONO I REGGIANI


Il PD gioca al “risiko” delle primarie, ma a pagare per tutto questo sono i cittadini reggiani.

La “pausa invernale” del Consiglio Comunale durerà più di un mese, nonostante nell’agenda politica ci sono temi di scottante attualità che richiedono una rapida soluzione.

Uno di questi è quello relativo alle tasse sulla casa ovvero della scadenza IMU che ricordiamo è per ora al 24 gennaio.
Stiamo parlando di un balzello che pesa parecchio sulle tasche delle famiglie e delle imprese, pertanto sarebbe opportuno che gli Enti Locali prestino la massima attenzione nel bilanciare gli interessi di “cassa” da una parte e la tutela delle famiglie dall’altra.

È di oggi la nota diffusa dall’Anci Emilia Romagna, in persona del Sindaco di Ravenna, il quale comunica che è facoltà di ogni Comune di posticipare il pagamento della prima rata dell’IMU sulla prima casa.

In Città il dibattito sul tema è assolutamente assente, essendo assorbito interamente dalle primarie del PD e poco altro.
Sarebbe stato utile affrontare il tema in Consiglio Comunale, in un dibattito pubblico che metta gli attori della politica locale davanti alla responsabilità delle proprie decisioni. Questo purtroppo non è possibile farlo a causa dell’inerzia della Presidente del Consiglio Comunale e di questa Giunta fannullona.

Per i reggiani il tempo è tiranno, considerato il fatto che il primo Consiglio Comunale dell’anno sarà al 20 di gennaio, solo 4 giorni prima della scadenza della prima rata IMU.

Lunedì mattina presenterò alla Presidente della Commissione IV la convocazione di una commissione urgente per affrontare questo importante tema, auspicando che la Presidente del Consiglio Comunale sia disponibile ad inserire nel primo Consiglio Comunale disponibile l’argomento all’ordine del giorno.

Purtroppo a pagare l’inconsistenza e l’irresponsabilità di questo PD sarà come al solito l’intera Città di Reggio Emilia.

I reggiani sicuramente ringrazieranno sentitamente per l’attenzione che la politica ha prestato alle loro esigenze.